Merenda news

Logo CAVAlla scuola La traccia è stata istituita una bancarella all’interno dell’aula di arte per vendere torte di ogni tipo e toast preparati dalle famiglie: da leccarsi i baffi. C’è un motivo speciale per questa iniziativa: è nata dall’incontro di alcune mamme col gruppo CAV di Merate (Centro di Aiuto alla Vita), un’associazione benefica che aiuta le donne in difficoltà sia psicologica che fisica a continuare una gravidanza. Per spiegarci cosa fanno al CAV sono venute a trovarci la sig.ra Carmen e la sig.ra Silvana, rispettivamente presidentessa e Foto signora Silvanasegretaria del CAV di Merate, insieme alla signora Waffae di origine marocchina residente da anni in Italia e mediatrice culturale per l’associazione. Quest’ultima ha vissuto l’esperienza di essere aiutata dal CAV, dopo aver scoperto di aspettare due gemelli: inizialmente aveva deciso di abortire, ma grazie al CAV ha ripensato alla sua decisione e ora offre la sua conoscenza dell’arabo e del francese per aiutare altre donne in difficoltà.Foto signora Carmen

I prof e le mamme della scuola ci hanno proposto di aiutare le mamme del CAV e noi abbiamo accettato la proposta: ogni mercoledì di Quaresima abbiamo venduto a partire da 1€ le leccornie dolci e salate offerte dalle nostre famiglie e in questo modo abbiamo raccolto soldi per le esigenze del CAV. Oltre a comprare delizie dolci e salate tutti potevano fare delle donazioni di qualunque valore; alla fine abbiamo ricavato più di 1000€.
I toast e le torte hanno avuto un successo strepitoso e lo potete capire da alcuni commenti. C’è chi dice: “A me piacciono tantissimo i toast: ne prendo fino a due alla volta”. “Sono straordinari, ma la carta si attacca al formaggio fuso e non è che ha un ottimo sapore”. “È un’iniziativa incredibile e sono contenta che l’abbiano rifatta anche quest’anno”.

Foto panoramica CAVMercoledì 11 aprile sono venute a trovarci nuovamente la sig.ra Carmen e la signora Silvana alle quali abbiamo consegnato pannolini, latte in povere e più di mille euro raccolti con la vendita di toast e torte. Durante l’incontro il preside Paolo Amelio ha voluto racPannolini CAVcontare come è importante prendersi cura, come fa il CAV, di chi ha bisogno di aiuto: lo ha fatto raccontando la storia di Giuseppe Verdi e Gaetano Donizetti, che grazie all’aiuto dei loro concittadini, che si sono presi cura di loro, hanno raggiunto un sogno ovvero diventare musicisti. Con il gesto che ci è stato proposto per noi diventa possibile imparare cosa vuol dire prendersi cura. Le responsabili del CAV ci hanno ringraziato e hanno confermato che anche loro imparano proprio questo.

Possiamo proporvi una nuova definizione di CAV: Cura Alla Vita…

 

Sandro

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.